Overblog
Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
Blog della COMUNITA' IPHARRA

Non più destra, non più sinistra, non più etichette, non più finzioni nominalistiche ma attività mirate a creare le premesse culturali e politiche per una Costituente di Popolo che sia alternativa reale ed organica agli schemi partitici ed agli artifici ideologici. Momenti di lotta diretta a colpire le oligarchie di potere per le quali il " rito del voto" costituisce la legittimazione per continuare ad esercitare le loro angherie ai danni del Popolo.

MES: "Si può ostacolare solo mettendo in discussione l'€uro"

Pubblicato su 12 Aprile 2014 da frontediliberazionedaibanchieri in MONETA -BANCHE - VARIE

Non è più l'Europa a chiedercelo. Sono le organizzazioni finanziarie internazionali e l'Europa e gli Stati accettano di essere “delegittimati”.Lidia Undiemi, studiosa di diritto e economia, editorialista di Wallstreet Italia. La prima e principale accusatrice in Italia di MES e Fiscal Compact. Le sue tesi saranno sintetizzate in un volume di prossima pubblicazione. 

- Sono passati ormai tre anni da quando ha iniziato la sua battaglia per impedire che l'Italia  si legasse a trattati intergovernativi come il  MES – Meccanismo europeo di stabilità – ed il Fiscal Compact. La sua azione di divulgazione continua oggi per cercare di trasmettere nell'opinione pubblica la consapevolezza delle tremende conseguenze pratiche sulla società di questi trattati. Ci può spiegare cosa rappresenta il MES e perché i paesi per salvare l'euro hanno avuto la necessità di scavalcare il diritto comunitario?  

Il MES è un trattato di diritto internazionale che ha come base giuridica il “meccanismo di stabilità da attivare ove indispensabile per salvaguardare la stabilità della zona euro nel suo insieme”, introdotto con la modifica dell'art. 136 del Trattato sul Funzionamento dell'Unione Europea (TFUE). In parole più semplici, per far fronte alla crisi della zona euro si è deciso di ricorrere ad un accordo di diritto internazionale, con regole proprie che fuoriescono dal sistema normativo comunitario. Qual è il risvolto politico di una simile scelta? Basti pensare al sistema di votazione: nel processo decisionale dell'organizzazione MES, il peso di ciascun paese aderente dell'Eurozona è proporzionato al potere finanziario che esso riesce ad esprimere mediante il versamento delle quote di partecipazione; la Germania, guarda caso, possiede la quota maggiore.

Tale ente finanziario, presentato al grande pubblico come “fondo salva-stati”, si ponecome obiettivo quello di correggere gli squilibri finanziari maturati nell'ambito della moneta unica, prevalentemente mediante salvataggi bancari – si pensi ai 100 miliardi di euro messi a disposizione del governo spagnolo per far fronte alle difficoltà di alcune sue grosse banche – a spese degli Stati aderenti. La finalità del MES non consiste quindi nel “salvataggio” degli stati, bensì nella creazione di un organismo permanente il cui scopo, in una prospettiva politica più ampia, consiste nellacreazione di una governance politica internazionale in ambito comunitarioattraverso la quale potere intervenire tutte le volte che l'instabilità – a monte generata da una crisi della “bilancia dei pagamenti” – metta in discussione la sopravvivenza dell'Euro.  
Ritornando ai criteri di determinazione del potere decisionale che ciascun singolo stato membro può esprimere all'interno dell'Organizzazione, se i rapporti fra Stati possono essere gestite al di fuori di una relazione paritaria – dato che nel MES il Consiglio dei governatori decide in base alla forza finanziaria dei paesi che vi hanno aderito – e se contemporaneamente lo stato in difficoltà che chiede aiuto è costretto ad accettare “condizioni rigorose” imposte dalla stessa organizzazione – in sintesi austerità, riforme e privatizzazioni – non abbiamo forse creato un governo sovranazionale (o nuova governance economica) alternativo alle istituzioni nazionali e comunitarie?
 
- Per quel che riguarda il racconto ufficiale della crisi, i media mainstream non inseriscono spesso il MES nel dibattito e l'opinione pubblica ha poche possibilità per conoscere l'attività di quest'organizzazione. Ci può spiegare meglio come agisce il MES all'atto pratico ed in che modo riesce a condizionare le scelte dei vari governi?
 
Bisogna partire con il dire e spiegare all'opinione pubblica che il MES è  uno strumento di governo del territorio sovranazionale potentissimo, la sua struttura è simile a quella del FMI. Purtroppo i media e la politica se ne occupano parzialmente solo quando vengono concretamente attivati alcuni suoi strumenti (salvataggio delle banche spagnole, sottoscrizione di nuove quote, acquisto dei bund tedeschi, …), tralasciando le sue enormi potenzialità e l'impatto sulle democrazie nazionali insiti nel suo funzionamento.
In un momento di crisi finanziaria, economica e sociale come quella attuale, gli interventi di “salvataggio” possono essere all'ordine del giorno: nel momento in cui si affida agli stati economicamente più forti, al di fuori del diritto dell'UE, la possibilità di poter dettare delle “misure rigorose” – oltre che dell'agenda economica anche quella politica –  il MES si sostituisce di fatto alle istituzioni nazionali. 
 
- Si è dunque voluto formare una nuova versione del Fondo Monetario a scopo regionale? E che relazione c'è tra il MES ed il FMI?
 
Oltre al fatto che la struttura del MES è simile a quella del FMI, il trattato prevede una sorta di collaborazione tra le due organizzazioni nell'effettuare i prestiti nei confronti degli stati e nell'applicare le rigorose condizioni di politica interna. Il motivo per cui il MES è stato creato quasi settant'anni dopo l'istituzione del FMI risiede nell'ideologia liberista su cui è stata costruita l'intera architettura giuridica europea: siccome il mercato unico “libero” non può fallire non ha senso prevedere un meccanismo di correzione permanente in vista di future crisi, percepite come eventi “eccezionali” ai sensi dell'art. 122 TFUE.
Come ho già accennato, queste organizzazioni si sono sostituite di fatto anche alle istituzioni dell'Unione Europea nel gestire la crisi della zona euro e nell'imporre determinate scelte ad i governi nazionali. Attenzione, i partecipanti al MES sono gli stessi soggetti che danno corpo all'UE (Stati membri, Commissione, BCE, …), ma anziché agire in quanto tali si presentano nella nuova veste di MES; in sostanza cambia soltanto il sistema di regole entro cui agiscono. Si pensi al fatto che il potere decisionale circa la concessione del prestito allo Stato richiedente spetta al Consiglio dei governatori del MES. Può la democrazia divenire oggetto di trattazione delle organizzazioni finanziarie? L'Europa può tollerare tutto questo? Appoggiando e sostenendo il MES, le istituzioni comunitarie non stanno forse agendo attraverso strumenti incompatibili con i trattati fondamentali? Queste sono le domande che dovrebbero porsi coloro che vogliono portare avanti un dibattito politico serio.
 
- Si discute molto sulla questione giuridica del recesso. Essendo un “accordo internazionale”, basterà uscire dagli accordi presi a livello comunitario, in particolare per quel che riguarda quelli con la zona euro, o i vincoli presi con il MES ed il Fiscal Compact potranno sopravvivere per gli stati nazionali senza l'Unione Europea? 
 
A livello teorico, anche uscendo dall'euro e dall'UE, il valore legale del MES potrebbe persistere. Se è vero, come è vero, che attraverso gli accordi di diritto internazionale si attribuisce la gestione della crisi europea ad una organizzazione internazionale, significa che il principale interlocutore politico dei governi nazionali sarà il MES – cioè la Troika in una veste istituzionalmente più strutturata – e non la UE, al quale la prima attribuisce un ruolo comunque marginale rispetto al proprio. 
Cadono così tutte le giustificazioni del “Ce lo chiede l'Europa”. Non è l'Europa a chiedercelo. Sono le organizzazioni finanziarie internazionali che chiedono e l'Europa e gli Stati membri accettano di essere in qualche modo “delegittimati”. 
 
- Nel 2012 un parlamentare irlandese, Thomas Pringle, ha deciso di ricorrere alla via giudiziaria sulla legittimità del MES rispetto ai trattati europei. La Corte di giustizia europea in via pregiudiziale ha dichiarato come “gli Stati non attuano il diritto dell’Unione nel momento in cui instaurano un meccanismo di stabilità come il MES”. Quali considerazioni si possono trarre da questa sentenza? 
 
Il deputato irlandese Thomas Pringle ha fatto ricorso per chiedere di accertare la violazione di alcuni articoli contenuti nei trattati fondamentali, in primis l'art. 122 TFUE. Quest'ultimo, infatti, consente in condizioni straordinarie ed eccezionali alle istituzioni europee di compiere salvataggi di natura finanziaria qualora uno stato membro si trovi o sia seriamente minacciato da gravi difficoltà per calamità o eventi straordinari fuori dal suo controllo”.
Dato che il MES è un trattato internazionale al di fuori dell'ordinamento comunitario, Pringle aveva chiesto alla Corte irlandese – che ha poi rimandato alla Corte di Guistizia Europea – di chiedere l'illegittimità del MES, poiché essa svolge le funzioni (di gestione degli aiuti finanziari) che sarebbero spettate, ai sensi dell'art. 122, alle istituzioni europee. Su tale questione, dal mio punto di vista, la decisione della Corte di “salvare” il MES (anche in merito ad altre questioni sollevate in tale occasione) – sul presupposto che l'attività di questa non avrebbe compromesso la possibilità per le istituzioni comunitarie, tra cui la BCE, di fornire assistenza ai paesi in alternativa al MES – èaltamente criticabile poiché l'impianto della nuova governance favorisce questa rispetto agli interventi ex art. 122.
 
- Lei ha recentemente sostenuto come il MES violi i trattati fondamentali dell'UE anche perché di fatto non permette agli stati membri di rispettare i parametri di Maastricht. Ci può spiegare meglio le ragioni?
 
La risposta è che non si può dire agli Stati di accettare i parametri in questionevisto che, dati alla mano della Banca d'Italia e dell'ISTAT, i contributi forniti ai fondi dai singoli stati hanno contribuito in modo determinante all'aumento del debito pubblico;l'impegno finanziario assunto dall'Italia ammonta a 55 miliardi di euro circa, una cifra esorbitante. Altro che Stato “cattivo”, specie se si considera inoltre che il deficit pubblico si è progressivamente ridotto, passando dal 5,5% del 2009 all’attuale soglia del 3%. 
In tutti i paesi in cui è intervenuta la Troika (ora MES) per fornire “assistenza finanziaria” il debito pubblico è aumentato e non diminuito; i cittadini europei colpiti dall’austerità hanno pagato a caro prezzo i salvataggi degli interessi finanziari della zona euro. 
 
- E gli Stati come possono tutelarsi oggi?
 
Se prendiamo consapevolezza del fatto che la partita non è giocata tra Stati membri e istituzioni europee, ma tra Stati e organizzazioni finanziarie internazionali – MES e FMI  – è chiaro che l'impostazione di una politica alternativa dal punto di visto tecnico deve partire da una maggiore consapevolezza della sovranità dello Stato. Si tratta di una questione essenzialmente politica.
Chi si propone come governo “anti-MES/Troika”, dovrebbe già avere nel cassetto – per questo bisognerebbe aprire un dibattito il prima possibile – una serie di misure possibili a livello nazionale volte a rimettere al centro dei rapporti internazionali le prerogative delle istituzioni nazionali nel governo del territorio. A livello comunitario, invece, occorrerebbe smontare l'architettura giuridica su cui si regge l'euro, e conseguentemente il MES.Essendo questo stato realizzato al fine di correggere i “malfunzionamenti” dell'euro, è chiaro che entrambi gli strumenti sono intimamente collegati: se non si mette in discussione la moneta diventa tecnicamente e politicamente impossibile ostacolare la Troika, e conseguentemente le politiche di austerità.
 
- Vede, in definitiva, che dalla politica possa emergere una speranza che l'Europa diventi l'Europa dei cittadini e non, per riprendere alcune sue recenti parole, il luogo di una dittatura economica dove i potentati finanziari vengono ad acquisire stati in svendita? 
 
L'Europa può essere dei cittadini solo se i vari stati sono messi nelle condizioni di esercitare la propria sovranità, così da arginare tempestivamente gli squilibri economici e qualsiasi tentativo di creazione di governi sovranazionali, sostanzialmente oligarchici. L'Europa nella sua volontà di voler gestire la moneta e l'economia ha fallito, perché in un'economia sempre più globalizzata, la politica risente della forza della finanza globale e della sua volontà  di esercitare un potere di governo sul territorio e sui suoi abitanti. È naturale che ciò accada. Verrebbe da chiedersi per quale motivo creare artificialmente un'unità politica per paesi così profondamente diversi dal punto di vista economico e culturale. Perché un fallimento deve diventare un grande fallimento?

Fonte: L'Antidiplomatico
Tratto da:http://vocidallastrada.blogspot.it
MES: "Si può ostacolare solo mettendo in discussione l'€uro"
Commenta il post