Overblog
Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
Blog della COMUNITA' IPHARRA

Non più destra, non più sinistra, non più etichette, non più finzioni nominalistiche ma attività mirate a creare le premesse culturali e politiche per una Costituente di Popolo che sia alternativa reale ed organica agli schemi partitici ed agli artifici ideologici. Momenti di lotta diretta a colpire le oligarchie di potere per le quali il " rito del voto" costituisce la legittimazione per continuare ad esercitare le loro angherie ai danni del Popolo.

La situazione in Grecia ora è addirittura DISUMANA

Pubblicato su 15 Aprile 2014 da frontediliberazionedaibanchieri in EUROPA

Il dramma sanitario in Grecia: non numeri, ma persone con un nome e cognome

In un post del 7 aprile scorso il sito greco KTG sottolinea come oltre un milione e trecento mila persone in Grecia non hanno un lavoro – riferendosi solo ai lavoratori dipendenti dato che gli autonomi non sono registrati nel numero ufficiale dei disoccupati – e quindi sono senza copertura assicurativa sanitaria.

Tre milioni di persone che vivono in Grecia non hanno accesso al sistema sanitario“, ha dichiarato recentemente il dipartimento greco dell’organizzazione umanitaria Medecins du Monde (MdM).

Ktg riporta poi un elenco dei comunicati stampa pubblicati da MdM in occasione della Giornata Internazionale della Salute.

3.000.000 senza assicurazione.

7.000.000 con assicurazione ma nell’insicurezza.

“Non sono numeri, sono nomi. Sono persone con nome e cognome, salute, famiglia, amici, profilo genetico, relazioni, aspettative di vita, sentimenti…”, scrive Medicine du Monde riportando alcuni casi esemplari:

- Thodoris X., 45 anni, con un cancro in stato avanzato, ha bisogno di una tomografia computerizzata, richiede chirurgia e chemioterapia, ma non ha l’assistenza sanitaria che possa fornirgli il trattamento.
 
- La PICCOLA Nicoletta B., 4 anni, soffre di crisi epilettiche, vive con la madre disoccupata, ha bisogno di una scansione cerebrale e test di laboratorio, medicine e vaccini, e non c’è assistenza sanitaria dove possa trovare un riparo.
 
- Grace E., ha richiesto asilo politico dalla Nigeria, al quinto mese di gravidanza, le sono stati negati gli esami del sangue in un reparto maternità pubblico, esami che dovrebbero essere a titolo gratuito, un diritto inalienabile secondo la legge. Sfortunatamente anche altri tre ospedali hanno rifiutato di fornirle questi esami gratuiti. A seguito di un intervento della MdM, un finanziatore privato si è preso cura di Grace. Non c’è assistenza sanitaria per lei e per il suo bambino.
 
Aggelos G., 6 anni, soffre di diabete mellito di tipo 1. Vive coi suoi genitori disoccupati. Ha bisogno di controlli dei livelli di diabete diverse volte al giorno. Ha bisogno di insulina e di un’alimentazione appropriata.Vive in una casa senza elettricità e senza riscaldamento. Ha bisogno di frequenti cure mediche per sopravvivere durante la sua infanzia. Non c’è un’assistenza sanitaria che lo copra.
 
- Giorgios X., 50 anni, ha una malattia intestinale cronica, è disoccupato con una famiglia. Ha bisogno di test di laboratorio e biopsia. Ha bisogno di medicinali e controlli medici per le complicazioni della sua malattia. Non ha accesso ad alcun sistema sanitario.
 
La storia di una donna disoccupata, 40 anni, che è morta a seguito di un forte ictus cerebrale, ha acceso una guerra tra i media e la comunità locale di Lesvos. La donna ha avuto un forte ictus cerebrale il 27 marzo, è stata trasferita all’ospedale, dove è morta una settimana più tardi. Il giornale locale Empros ha riportato che la donna, madre di due bambini, era disoccupata e senza assicurazione sanitaria, e che aveva smesso di prendere le medicine per la pressione alta perché non se le poteva più permettere. E tutto ciò nonostante ci fosse una “farmacia sociale” sull’isola. I suoi parenti hanno contestato le affermazioni del giornale locale e minacciato di fargli causa. Parlando a Skai Tv, il reporter ha sollevato la questione della “dignità all’interno di una piccola comunità locale.”
 
“Sì, conosco persone che devono superare la barriera della dignità prima di fare richiesta ai servizi sociali messi a disposizione dai Comuni per le persone estremamente povere”, conclude KTG.
 
Per la traduzione completa dell’articolo si rimanda e si ringrazia Voci dall’estero
 
MONTI: L’EURO E’ UN SUCCESSO SOPRATTUTTO PER LA GRECIA ( guarda il video )
Tratto da:http://www.imolaoggi.it
Commenta il post