Overblog
Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
Blog della COMUNITA' IPHARRA

Non più destra, non più sinistra, non più etichette, non più finzioni nominalistiche ma attività mirate a creare le premesse culturali e politiche per una Costituente di Popolo che sia alternativa reale ed organica agli schemi partitici ed agli artifici ideologici. Momenti di lotta diretta a colpire le oligarchie di potere per le quali il " rito del voto" costituisce la legittimazione per continuare ad esercitare le loro angherie ai danni del Popolo.

Cresce di ora in ora l’allarme ebola in Sicilia

Pubblicato su 16 Aprile 2014 da frontediliberazionedaibanchieri in ITALIA

Cresce di ora in ora l’allarme ebola a Lampedusa. Proprio ieri sera sulle banchine del porto di Porto Empedocle, in provincia di Agrigento, sono arrivati 108 clandestini provenienti dall’Africa. I migranti sono stati soccorsi dalla marina militare. Ma nei centri vicini esplode la paura per possibili contagi di Ebola.

Le autorità sanitarie dunque al momento escludono qualunque focolaio di infezione a Lampedusa, in Sicilia, ma nelle prossime ore è prevista un’altra ondata di migranti: circa seimila, pronti a salpare dalle coste maghrebine.

Mentre dall’Africa è in corso una fuga a causa del’epidemia di Ebola, sale la paura di contrarre il virus. Anche perché procedere all’identificazione dei migranti che arrivano sembra un’operazione ai limiti dell’impossibile.

La Sicilia rischia dunque di essere impreparata a fronteggiare quella che l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha definito come la più grave epidemia degli ultimi anni. L’epicentro della nuova infezione è la Guinea, dove dal 7 aprile sono stati registrati oltre 100 decessi.

L’Asp di Agrigento, insieme alla Marina Militare, ha precisato che tutti gli immigrati vengono controllati accuratamente a bordo dei pattugliatori.

 

http://www.siciliainformazioni.com/92794/cresce-in-lallarme-ebola-in-sicilia

Tratto da: http://terrarealtime.blogspot.it

Cresce di ora in ora l’allarme ebola in Sicilia
Commenta il post