Overblog
Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
Blog della COMUNITA' IPHARRA

Non più destra, non più sinistra, non più etichette, non più finzioni nominalistiche ma attività mirate a creare le premesse culturali e politiche per una Costituente di Popolo che sia alternativa reale ed organica agli schemi partitici ed agli artifici ideologici. Momenti di lotta diretta a colpire le oligarchie di potere per le quali il " rito del voto" costituisce la legittimazione per continuare ad esercitare le loro angherie ai danni del Popolo.

Veneto: il referendum più pazzo del mondo

Pubblicato su 25 Marzo 2014 da frontediliberazionedaibanchieri in ITALIA

Il referendum virtuale per l’indipen-
denza del Veneto ha superato quota 2,3
milioni di voti, pari al 73% del corpo
elettorale regionale.

Secondo i dati diffusi a Treviso da
Plebiscito.eu, movimento venetista che
ha promosso la votazione, i sì sono
stati quasi 2milioni 103 mila pari al
89%; i no poco più di 257 mila,il 10,9%

La consultazione è stata fatta in rete,
attraverso schede raccolte nei gazebo e
voti telefonici e non ha alcun valore
formale.

E’ la prima volta che qualcuno si organizza un referendum, se lo fa, si conta i voti e ne diffonde i risultati. A parte le primarie del Pd dove però, almeno, ci sono diversi candidati che si controllano tra loro. In questo caso, nemmeno quello.

Per non parlare della spassosa idiozia di chi raccoglie voti al telefono e online – dove chiunque può dare nomi e ID di chiunque altro. Una carnevalata. Ma una carnevalata che ha trovato spazio su un paio di giornali cosiddetti di ‘destra’, come Libero – tra un culo e una tetta e l’altra – e sulla Gazzetta di Silvio. Forse il padrone ha ordinato di gridare allo sfascio. Due giornaletti vergognosi dove scrivono personaggi equivoci pronti a dire che A è B se lo ordina qualcuno.

Per quanto ci riguarda, noi, il referendum lo faremmo vero, così non ci sarebbe spazio per apprendisti stregoni che danno numeri a caso.

Da notare che si sono anche tenuti un 10% di voti contrari, proprio come farebbe un bravo organizzatore che deve inventarsi dei numeri per non fare la figura di Kim-Jong-Un.

Si rimane comunque di stucco, a vedere come presunti giornalisti, diano spazio ad un evento che non ha avuto alcun controllo. E lo facciano senza nemmeno un pizzico di dubbio sulla regolarità.

D’ora in avanti ognuno di noi si organizzerà il suo referendum personale e darà i suoi numeri, domani parte quello sulla nascita dello Stato di Austrasia. Ci sono già 500mila voti, anche prima di iniziare.

Tratto da:http://identità.com

Veneto: il referendum più pazzo del mondo
Commenta il post