Overblog
Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
Blog della COMUNITA' IPHARRA

Non più destra, non più sinistra, non più etichette, non più finzioni nominalistiche ma attività mirate a creare le premesse culturali e politiche per una Costituente di Popolo che sia alternativa reale ed organica agli schemi partitici ed agli artifici ideologici. Momenti di lotta diretta a colpire le oligarchie di potere per le quali il " rito del voto" costituisce la legittimazione per continuare ad esercitare le loro angherie ai danni del Popolo.

MA QUELLO ITALIANO E' ANCORA DEGNO DI CHIAMARSI POPOLO ?

Pubblicato su 14 Marzo 2014 da frontediliberazionedaibanchieri in POPOLI LIBERI

Abbiamo preso questo intervento di Marco De Rocchis dalla pagina facebook “ Popolo Italiano Viterbo” perché elabora delle sacrosante verità.

Lo abbiamo ribadito più volte, ma ricordare non fa male: se non cambiamo registro non esiste più un popolo, ma una massa devastata nella mente e nello spirito da 50 anni di sapiente propaganda televisiva e dei media in genere.

La parte più gravosa del nostro lavoro consiste proprio in questo: RI-FORMARE UN POPOLO. Claudio Marconi

 

Di: Marco De Rocchis

Dovete vedere tutti i file sui progetti della citta di Viterbo datemi retta una lettura interessante, ed io nel mio paese sono costretto a chiedere un trattamento equo che sia rapportato agli stranieri e con il fatto che siamo marcati come razzisti se diciamo queste cose tutti tacciono per non figurare razzista, ma se è cosi allora si IO SONO RAZZISTA, ma perchè il governo grazie hai benefici che da ai straniere fomenta solo l’odio che prima non esisteva, io voglio essere trattato con i stessi diritti che hanno gli immigrati quelli irregolari perchè quelli regolari stanno peggio di noi, e forse si stanno anche pentendo di essersi regolarizzati, questa storia mi insegna che il lavoro che il governo e i governi mondiali fanno è proprio incentivare l’odio razziale nei confronti degli irregolari, non ne posso più di vivere in un paese dove non esiste più lo spirito patriottico non esiste più la dignità individuale non esiste più il futuro e non esiste più la logica degli eventi, ma tutto gira intorno ha governi occulti che mirano a dividersi il mondo industrializzato facendo si che i propri governi svendano le proprie aziende e loro possano acquistarle e quando meno ce lo aspettiamo figureranno anche come salvatori questo è indegno, le leggi sono fatte per fregare il popolo la legge del popolo non esiste quindi non esiste la democrazia che in fondo significa legge del popolo o legge popolare ora vedete voi dove dobbiamo arrivare prima che si inizi a fare qualcosa di concreto, stiamo vivendo su una polveriera e forse prima ancora che possa esplodere ci penserà la madre terra a rimetterci in riga stiamo sulla soglia del non ritorno dopo di che non ci saranno più governi o persone che possano recuperare ma saremmo condannati quindi iniziamo a aiutarci tra noi e credere ancora che la forza fa la differenza in questo mondo l’unione fa la forza e l’unione nel lavoro nel avere inventiva nel credere in progetti a basso costo nel credere ancora una volta nel nostro futuro e detto da uno che e condannato a morte ed ha pure circa 50 anni credere nel futuro si può ed io voglio crederci per questo dopo aver dato il mio contributo per un paese migliore cercherò di andarmene a tutti i costi per avere ancora un futuro, e non vado via per il momento politico o lavorativo ma solo perchè in questo paese ho perso tutto compresa la famiglia e forse andando via potrò vivere gli ultimi anni in compagnia di amici sinceri che non fanno le cose per interessi ma per aiutare un loro amico anzi la remissione è certa ma l’amicizia va oltre il profitto e nel nostro paese questo concetto non viene riconosciuto qui si fa tutto solo ed esclusivamente per il profitto e quindi siamo destinati all’estinzione un popolo che si gira dalla parte opposta da dove arriva il dolore del suo popolo non e degno di chiamarsi popolo.

MA QUELLO ITALIANO E' ANCORA DEGNO DI CHIAMARSI POPOLO ?
Commenta il post