Overblog
Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
Blog della COMUNITA' IPHARRA

Non più destra, non più sinistra, non più etichette, non più finzioni nominalistiche ma attività mirate a creare le premesse culturali e politiche per una Costituente di Popolo che sia alternativa reale ed organica agli schemi partitici ed agli artifici ideologici. Momenti di lotta diretta a colpire le oligarchie di potere per le quali il " rito del voto" costituisce la legittimazione per continuare ad esercitare le loro angherie ai danni del Popolo.

L’olgettina Renzi prostituisce la democrazia

Pubblicato su 26 Febbraio 2014 da frontediliberazionedaibanchieri in ITALIA

C’era una volta la democrazia, quella strana idea di governo nata in Grecia, qualche millennio fa. Non ha mai avuto molti simpatizzanti tra le alte sfere; ma almeno, prima, aveva nemici duri, virili nella loro opposizione alla volontà popolare. Oggi, il volto imberbe e flaccido di Renzi.

Se prima usavano i carri armati, oggi gli intrighi di palazzo. La politica italiana somiglia più ad un harem di Istanbul che all’agorà greco. Una fanghiglia indistinta di cadaveri decomposti: che sorridono. E guai, a chi protesta.

Con un volgare colpo di palazzo, degno di un eunuco, l’olgettina Renzi ha scavalcato la concubina Letta nelle grazie del Sultano Napolitano. Stiamo assistendo, non, ad una lotta di idee, ma ad una volgare lotta di potere tra le puttane di un harem. Sulle spoglie di un’Italia allo stremo.

Perché, allora, nessuno assedia il Parlamento? Perché il popolo è confuso dal gioco delle ombre.
Spogliata la democrazia della sua essenza, questi golpisti in calze a rete ne proseguono le liturgie, dando un’apparenza della sua sopravvivenza. Se prima i popoli europei potevano sollevarsi, perché l’assenza di democrazia era marchiana, volgare nella sua ostentazione, oggi i potenti ammantano lo spregio della volontà popolare mantenendone le forme finte e disinnescate: ci fanno votare ogni tanto, ma poi decidono loro. Ma questo ‘voto’, diviene il paravento dietro il quale nascondono la realtà di un potere profondo che non appartiene al popolo, ma ad una sinarchia. Ad una compagnia di serial killers della democrazia.

Il modo migliore per fregare i popoli, è cambiare la sostanza mantenendo le forme. L’opposto della famosa e abusata frase del ‘tutto cambi, perché nulla cambi’: qui tutto rimane uguale, mentre le vere decisioni vengono prese da un potere che non riusciamo a vedere. Quando Augusto uccise la Repubblica per creare l’Impero, non lo disse, lo fece. Mantenne tutte le liturgie pre-esistenti, non commise l’errore di nominarsi Re, ne assunse tutti i poteri, nella sostanza, ma non nella forma.

E questo avviene oggi, nella transizione da una democrazia minore nata dal dopoguerra, all’oligarchia che ci governa nell’epoca della Globalizzazione. Renzi è il mostro con le sembianze del bambino. Ed è difficile uccidere chi si nasconde dietro le sembianze del bambino. Ma con questa struttura di potere non c’è compromesso: o loro, o noi. Vogliono comandare senza averne la legittimità. Vogliono governare senza essere stati eletti. Tutte le forze sane della Nazione devono opporsi, con ogni mezzo, a questo stupro.

Tratto da:http://identità.com

L’olgettina Renzi prostituisce la democrazia
Commenta il post