Overblog
Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
Blog della COMUNITA' IPHARRA

Non più destra, non più sinistra, non più etichette, non più finzioni nominalistiche ma attività mirate a creare le premesse culturali e politiche per una Costituente di Popolo che sia alternativa reale ed organica agli schemi partitici ed agli artifici ideologici. Momenti di lotta diretta a colpire le oligarchie di potere per le quali il " rito del voto" costituisce la legittimazione per continuare ad esercitare le loro angherie ai danni del Popolo.

Un discorso importante che segna una svolta in materia di politica fiscale e monetaria

Pubblicato su 10 Gennaio 2014 da frontediliberazionedaibanchieri in MONETA -BANCHE - VARIE

Su Reuters Anatole Kaletsky riprende un discorso di Adair Turner, presidente della Financial Services Authority britannica, in cui Turner ha autorevolmente ed apertamente sostenuto la monetizzazione del debito. Mercoledì sera forse è stato un momento da "il Re è Nudo", un momento in cui il mondo si rende conto improvvisamente che i suoi governanti sono affetti da un delirio che non deve essere assecondato. L'illusione di oggi è il fatalismo economico: l'idea che non può essere fatto nulla per scuotere la paralisi dell'economia globale e che quindi una "nuova normalità" di disoccupazione di massa e declino degli standard di vita sia inevitabile per gli anni o i decenni a venire.

 

 

 
Che questo assurdo fatalismo non ha senso è il concetto chiave di undiscorso davvero storico tenuto mercoledì da Adair Turner, presidente della Financial Services Authority britannica e uno dei politici più influenti del mondo finanziario.Turner sostiene che esiste un metodo praticamente infallibile di stimolare l'attività economica, e che i politici e i banchieri centrali non possono più trattarlo come un tabù: moneta di nuova emissione dovrebbe essere distribuita ai cittadini o ai governi dei paesi impantanati nella stagnazione e tale finanziamento monetario di tagli fiscali o di spesa pubblica dovrebbe continuare finché l'attività economica non si riprende.
 
L'idea di distribuire denaro gratuito per porre termine a profonde crisi è stata portata avanti a livello teorico da economisti seri sin dal 1930, quando era uno dei pochi interventi pratici di politica economica su keynesiani e monetaristi concordavano. John Maynard Keynes proponeva di seppellire denaro nelle miniere di carbone dismesse per farlo disotterrare da lavoratori disoccupati, mentre Milton Friedman consigliava di far cadere soldi dagli elicotteri per farli raccogliere ai cittadini. Friedman ha anche sostenuto in un articolo del 1948 che i governi avrebbero dovuto affidarsi esclusivamente all'emissione di moneta per finanziare regolarmente i loro deficit ciclici. Più di recente, come le politiche convenzionali per rilanciare la crescita si sono dimostrate poco efficaci o largamente fallimentari nell'impatto dei tassi di interesse a zero e del quantitative easing, le proposte di distribuire denaro mettendolo direttamente a disposizione dei cittadini hanno silenziosamente guadagnato credito tra i critici delle ortodosse banche centrali. Ho discusso questa tendenza, a volte descritta come "quantitative easing per il popolo", in diversi articoli lo scorso anno.
 
Un esercizio mentale certamente semplicistico ma efficace mostra perché le politiche del "denaro dall'elicottero", che Turner chiama overt monetary financing (OMF), sarebbero di gran lunga più valide del QE convenzionale praticato oggi dalle banche centrali.
Si consideri la Federal Reserve. Al momento la Fed emette $ 85 miliardi di nuovo denaro al mese e lo distribuisce alle banche e agli investitori di Wall Street acquistando titoli di Stato. E la Fed ha promesso di continuare questo "quantitative easing" mensile fino a che la disoccupazione non scenda a a livelli più normali e sostenibili. Ora, supponiamo che invece la Fed divida i suoi $ 85 miliardi mensili in 300 milioni di assegni da 283 dollari ciascuno e li consegni ad ogni uomo, donna e bambino in America. Si supponga, inoltre, che la Fed prometta di continuare a inviare i suoi assegni, sino al valore di 1000 dollari al mese per una famiglia di quattro persone, fino a quando negli Stati Uniti non sia raggiunto l'obiettivo di disoccupazione desiderato - e il presidente della Fed aggiungesse che potrebbe aumentare gli assegni fino a $ 1,500 o $ 2.000 al mese se $ 1.000 al mese per nucleo familiare si rivelassero insufficienti. Non ci può essere dubbio che questo diluvio di denaro gratuito stimolerebbe la spesa dei consumatori e rilancerebbe l'occupazione - e non c'è dubbio che sarebbe infinitamente più efficace della distribuzione di denaro agli investitori e alle banche attraverso il QE.
 
Nonostante la sua evidente efficacia - o forse proprio per questo – le discussioni pubbliche sul "denaro dall'elicottero" sono state tabù tra i funzionari economici. L'unica eccezione è stato un discorso di Ben Bernanke, nel 2002 , tenuto prima di diventare presidente della Fed. Questo discorso ha offerto la prima precisa ed eloquente giustificazione del finanziamento monetario, che ha fatto guadagnare a Bernanke il soprannome di "Helicopter Ben". Da allora, tuttavia, il denaro dall'elicottero non è mai stato seriamente menzionato da nessun alto funzionario di qualsiasi economia avanzata.
 
Fino a questa settimana. Dieci anni dopo il discorso di Helicopter Ben, Turner ha rotto il tabù sul finanziamento monetario. L'effetto sul dibattito economico in tutto il mondo potrebbe essere profondo e irreversibile. Il paper di 70 pagine di Turner presenta delle argomentazioni sulle molte varianti del denaro dall'elicottero, con una raffinatezza accademica senza precedenti, precisione finanziaria e inquadramento storico. Fatto ancora più importante, il suo paper respinge sistematicamente e rigorosamente tutte le obiezioni standard sui soldi dall'elicottero.
Egli dimostra che il collegamento tra il finanziamento con emissione di moneta e l'iperinflazione è dubbio a livello teorico e storicamente ingiustificato. In realtà, le obiezioni più gravi riguardano la politica, non l'economia. Il rischio principale è che i governi abusino della loro capacità di stampare moneta, considerando il denaro dall'elicottero non come una misura di emergenza, ma come uno strumento politico clientelare per cercare consensi. Ma questo rischio può essere gestito al meglio impegnandosi in un dibattito aperto e razionale sul ritmo adeguato di creazione di moneta, non facendo finta che il finanziamento con emissione di moneta non accadrà mai per poi gestire di nascosto operazioni simili senza un'adeguata responsabilità pubblica o una razionale analisi economica.
 
Sebbene Turner sia troppo diplomatico per dirlo, questo è esattamente quello che le banche centrali hanno fatto dalla crisi finanziaria del 2008 e che il Giappone ha fatto per 20 anni. Di conseguenza, si sta correndo il rischio crescente che molte delle più grandi economie del mondo subiscano una sorte simile a quella del Giappone, con un'economia distorta in modo permanente da decenni di tassi di interesse artificialmente bassi, da mercati finanziari costantemente manipolati e da una solvibilità del debito pubblico minacciata di continuo da oneri insostenibili.
Tuttavia, in questo scenario negativo non vi è nulla di inevitabile. L'esame autorevole compiuto da Turner dei costi e dei benefici del finanziamento monetario mostra che la stagnazione a lungo termine può essere evitata, come sostenuto da economisti del calibro di Keynes, Friedman e Bernanke. La scelta presentata spesso dai politici tra l'austerità fiscale o la bancarotta del paese, è una falsa dicotomia. L'alternativa alla bancarotta non è l'austerità e la stagnazione permanente; è il finanziamento pubblico dei tagli fiscali e degli investimenti pubblici con emissione di moneta per promuovere la crescita economica. Ora che Turner ha rotto il tabù sul denaro dall'elicottero, il suono della salvezza monetaria si diffonderà presto in tutto il mondo.
Tratto da:http://vocidallestero.blogspot.it
Un discorso importante che segna una svolta in materia di politica fiscale e monetaria
Commenta il post