Overblog
Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
Blog della COMUNITA' IPHARRA

Non più destra, non più sinistra, non più etichette, non più finzioni nominalistiche ma attività mirate a creare le premesse culturali e politiche per una Costituente di Popolo che sia alternativa reale ed organica agli schemi partitici ed agli artifici ideologici. Momenti di lotta diretta a colpire le oligarchie di potere per le quali il " rito del voto" costituisce la legittimazione per continuare ad esercitare le loro angherie ai danni del Popolo.

Urge TSO per Napolitano

Pubblicato su 3 Dicembre 2013 da frontediliberazionedaibanchieri in ITALIA

Roma, 2 dic. (Adnkronos) – Il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, ha inviato al presidente della giunta regionale Toscana, Enrico Rossi, una lettera dopo l’incidente di ieri a Prato. “Indirizzo, suo tramite, ai rappresentanti della comunità cinese e alla città di Prato -si legge nella lettera- l’espressione dei miei sentimenti di umana dolorosa partecipazione per le vittime della tragedia del rogo che ha distrutto un opificio cinese, suscitando orrore e compassione in tutti gli italiani”.

“Condivido la necessità da lei posta con forza -sottolinea il Capo dello Stato- di un esame sollecito e complessivo della situazione che ha visto via via crescere a Prato un vero e proprio distretto produttivo nel settore delle confezioni, in misura però non trascurabile caratterizzato da violazione delle leggi italiane e dei diritti fondamentali dei lavoratori ivi occupati”.

“Al di là di ogni polemica o di una pur obbiettiva ricognizione delle cause che hanno reso possibile il determinarsi e il permanere di fenomeni abnormi, sollecito a mia volta un insieme di interventi concertati al livello nazionale, regionale e locale per far emergere -osserva il presidente Napolitano- da una condizione di insostenibile illegalità e sfruttamento, senza porle irrimediabilmente in crisi,realtà produttive e occupazioni che possono contribuire allo sviluppo economico toscano e italiano”.

Se queste vi sembrano le parole di una persona in pieno possesso delle proprie facoltà mentali, allora non lo siete voi.

Quest’uomo, e con lui l’altro ‘salice piangente’ Rossi, ha sempre favorito in ogni modo l’ingresso di clandestini in Italia. Non ultimo il suo indirizzo per la famigerata operazione ‘Mare Nostrum’: poi osa lamentarsi degli effetti della sua politica? Cosa pensa che vengano a fare, i clandestini in Italia, se non delinquere o essere sfruttati?

C’è un solo modo di combattere lo sfruttamento: chiudere con l’immigrazione. Chiudere le fabbriche cinesi, che tanto sono tutte non in regola. Ma non lo farete, perché è il vostro business. Dall’inquilino del colle più alto all’ultimo politicante del Pd e delle altre frattaglie governative, tutti voi mangiate dall’immigrazione. Alle nostre spalle.

Indirizza le ‘condoglianze ai rappresentanti della comunità cinese’, come li si indirizza ad un esponente di uno Stato estero. A questo punto siamo. E poi, ma cosa vuole interessi ai sedicenti ‘rappresentanti cinesi’ di quei morti, se proprio loro sono quelli che li sfruttano 24 ore su 24 nelle proprie fabbriche abusive nate e cresciute con il sostegno e l’ignavia delle autorità italiane, Regione Toscana in primis?

Siamo al festival dell’ipocrisia. Prima armano la mano dell’assassino. Poi spediscono le condoglianze alla vittima. Abbiate pietà della nostra intelligenza, tacete.

E poi basta con questi patetici e privi di senso tentativi di ‘interpretare’ cosa ‘suscitano negli italiani’ certi avvenimenti. Lei, presidente, è totalmente estraniato dalla realtà. Lei e la realtà, siete incompatibili.
A Prato, i pratesi non hanno il minimo contatto con il ‘mondo’ dei ‘platesi’: ci sono due società parallele che vivono accanto e nemmeno si toccano. La vicinanza ‘spaziale’ non ha alcun valore, quando quella ‘culturale’ è così distante. Non è infatti un caso quello che è avvenuto, sarebbe potuto avvenire in Cina nello stesso modo, dove simili incidenti sono ‘pane quotidiano’, perché la parte cinese di Prato è Cina.

Ci sarà un presidio medico nei pressi del Quirinale, allettatelo.

Tratto da: identità.com

Urge TSO per Napolitano
Commenta il post