Overblog
Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
Blog della COMUNITA' IPHARRA

Non più destra, non più sinistra, non più etichette, non più finzioni nominalistiche ma attività mirate a creare le premesse culturali e politiche per una Costituente di Popolo che sia alternativa reale ed organica agli schemi partitici ed agli artifici ideologici. Momenti di lotta diretta a colpire le oligarchie di potere per le quali il " rito del voto" costituisce la legittimazione per continuare ad esercitare le loro angherie ai danni del Popolo.

9 DICEMBRE - UNA TESTIMONIANZA DI COME STIAMO IN ITALIA

Pubblicato su 22 Dicembre 2013 da frontediliberazionedaibanchieri in IPHARRA

E noi non dovremmo ribellarci davanti a queste storie ? Claudio Marconi

Un dipendente di un acquedotto: “ Ogni giorno chiudo dai venti ai 30 contatori d’acqua a famiglie morose. Quando entro nelle loro case hanno già l’elettricità al minimo e sono senza gas. Case vuote: tavolo, sedie e letto. Tutto pignorato il resto.

Moglie e marito che hanno perso il lavoro e figli piccoli, spesso con problemi di salute perché la povertà favorisce le malattie. Sento un enorme disagio.

Veramente pensano di risanare i bilanci in questo modo? Che Italia è mai questa ?

Il racconto prosegue con particolari tristissimi. “ Stamattina sono stato a casa di una persona con la quale sono cresciuto, onesto, lavoratore e disoccupato. Mi sono vergognato come un cane quando gli ho detto che dovevo chiudere l’acqua. Lui, con franchezza e dignità, mi ha detto che non aveva i soldi, la macchina gli era stata sequestrata per altri debiti e non sapeva nemmeno come portare ad una visita medica, fuori regione, il figlio più piccolo di cinque anni che ha un grave problema di salute. Mi sono fatto dare la bolletta, 45 euro, sono andato alle poste e l’ho pagata.

Me ne capitano decine di questi casi, una situazione che sta mettendo a dura prova il mio sistema nervoso. Ormai mi chiedo con assillo con quale diritto noi andiamo a chiudere i contatori mentre c’è una dirigenza che prende stipendi da migliaia di euro al mese.

Dovrebbe esistere un fondo di solidarietà, dovrebbero mettersi una mano sulla coscienza.

Ma come ? C’è gente che non riesce a garantire nemmeno una tazza di latte ai figli, costretta a vivere dentro casa con due, tre maglie perché non hanno più nemmeno il gas e non si prendono provvedimenti ?

Ma che razza di comportamento è ?

E’ poco dire che sono disgustato, è poco dire che ci sono condutture che vengono riparate ogni settimana mentre basterebbe rifare l’intera linea per un costo 10 volte inferiore.

Si pensa di salvare il bilancio con questi poveri cristi mentre la pappa è ai piani alti.

In un’altra casa c’erano solo mamma e figlio, padre morto da poco, sfratto esecutivo, ha aperto il frigorifero: vuoto.

Sono andato via a testa bassa, senza parole. Ovviamente l’acqua non l’ho chiusa.

Che si fottano i megadirigenti e i loro grandi paini di risanamento.

Non si possono ammazzare le famiglie. Io non lo farò.

9 DICEMBRE - UNA TESTIMONIANZA DI COME STIAMO IN ITALIA
Commenta il post

Giulio Cesare Tarroni 12/22/2013 20:46

C'è poco da commentare! Mi chiedo solo come fanno queste persone a stare in silenzio e sopportare senza violenza. Mi chiedo che succederà il giorno in cui con armi arrangiate e improprie non accetteranno più di sopportare e scateneranno una violenza inaudita. La Storia ce ne racconta diversi di questi esempi. Quel giorno è meglio che i rappresentanti delle istituzioni e relative famiglie abbiano le valigie pronte o siano già fuggiti.