Overblog
Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
Blog della COMUNITA' IPHARRA

Non più destra, non più sinistra, non più etichette, non più finzioni nominalistiche ma attività mirate a creare le premesse culturali e politiche per una Costituente di Popolo che sia alternativa reale ed organica agli schemi partitici ed agli artifici ideologici. Momenti di lotta diretta a colpire le oligarchie di potere per le quali il " rito del voto" costituisce la legittimazione per continuare ad esercitare le loro angherie ai danni del Popolo.

IL "LAVORO ITALIANO" DEL PENTAGONO

Pubblicato su 21 Novembre 2013 da frontediliberazionedaibanchieri in ITALIA

Il Pentagono ha trascorso gli ultimi due decenni pagando centinaia di milioni di dollari di tasse per basi militari in Italia, rendendo il paese un centro sempre più importante per il potere militare statunitense. Soprattutto dall'inizio della Guerra Globale al Terrorismo, nel 2001, l'esercito ha spostato il suo centro di gravità, dalla Germania, dov'erano la maggior parte delle forze americane nella regione dalla fine della Seconda Guerra Mondiale, al sud Europa. Nel processo, il Pentagono ha trasformato la penisola italiana in un trampolino di lancio per le future guerre in Africa, Medio Oriente ed oltre. Nelle basi a Napoli, Aviano, Sicilia, Pisa e Vicenza, tra gli altri, i militari hanno speso più di 2.000 milioni di dollari solo dopo la fine della guerra fredda e la cifra non comprende gli altri miliardi in progetti di costruzione, esercizio e le spese del personale. Mentre il numero delle truppe in Germania è stato ridotto da 250.000 a circa 50.000, ci sono 13.000 soldati americani (e 16.000 famiglie) nelle basi in Italia, numeri che corrispondono a quelli del suo picco durante la Guerra Fredda. Ciò significa che, a sua volta, la percentuale delle forze Usa in Europa, con sede in Italia, è triplicato dal 1991, dal 5% al ​​15% [tra tutte quelle di stanza in Europa].  

Il mese scorso, ho avuto l'opportunità di visitare la nuova base Usa in Italia, che si trova a Vicenza, vicino Venezia. Ha tre mesi di funzionamento ed è sede di una forza di reazione rapida, la Squadra di Combattimento 173° Brigata di Fanteria (Airborne), e la componente militare del Comando Africa degli Stati Uniti (AFRICOM). La base si estende per un chilometro da nord a sud, e supera tutto il resto nella piccola città. In effetti, nei più di 145 ettari, la base è quasi esattamente la dimensione del National Mall di Washington, o l'equivalente di circa 110 campi di calcio. Il costo della base è di oltre 600 milioni dollari a partire dall'anno fiscale 2007.
 
 
Ci sono ancora altre basi, e quindi più spesa militare degli Stati Uniti in Germania che in qualsiasi altro paese straniero (tranne, fino a poco tempo fa, in Afghanistan). Tuttavia, l'Italia è diventata sempre più importante per il Pentagono per modificare la composizione globale delle sue 800 basi o più, all'estero. Il nuovo approccio è già verso sud invece che verso l'est dell'Europa. L'esperto Alexander Cooley spiega: 
"I funzionari della Difesa degli Stati Uniti riconoscono che il posizionamento strategico dell'Italia nel Mediterraneo e vicino al Nord Africa, la dottrina antiterrorismo dell'esercito italiano, così come la politica favorevole del paese verso le forze degli Stati Uniti sono fattori importanti per la decisione del Pentagono di mantenere un'ampia base e la presenza di truppe lì. Gli unici che hanno prestato attenzione a questa accumulazione sono i movimenti italiani di opposizione locale a Vicenza, che sono preoccupati perché la loro città potrebbe diventare una piattaforma per future guerre degli Stati Uniti".
La maggior parte dei turisti pensano all'Italia come al paese dell'arte rinascimentale, antichità romane, ottima pizza, pasta e vino. Pochi pensano ad essa come ad una terra di basi americane. Ma ci sono in Italia 59 "siti di base" identificati dal Pentagono, ciò fa si che questo paese è superato solo dalla Germania (179), Giappone (103), Afghanistan (100 e in calo) e Corea del Sud (89).
Pubblicamente, i funzionari americani dicono che non ci sono basi militari americane in Italia. Essi insistono sul fatto che i nostri presidi, con tutte le infrastrutture, le attrezzature e le armi, sono semplicemente ospiti di quelle che sono ufficialmente basi italiane destinate all'uso della NATO. Naturalmente, tutti sanno che questo è in gran parte una sottigliezza giuridica.
 
Nessuno che visiti la nuova base di Vicenza potrebbe dubitare del fatto che è un'installazione degli Stati Uniti dall'inizio alla fine. La guarnigione è in una ex base della forza aerea italiana chiamata Dal Molin. (Alla fine del 2011, le autorità italiane la ribattezzarono "Caserma Del Din", ovviamente, per cercare di scacciare i ricordi della massiccia opposizione alla base). Dall'esterno, potrebbe sembrare un gigantesco complesso ospedaliero o campus universitario. 31 edifici color pesca e crema con tetti rossi, dominano l'orizzonte con solo la pedemontana ai piedi delle Alpi del Sud come sfondo. Una rete metallica sormontata da filo spinato lungo il perimetro, con schermate verdi che nascondono alcuni punti della base.
 
Se si riesce ad entrare, tuttavia, si trovano due caserme con 600 soldati ciascuna. (Al di fuori della base, l'Esercito sta affittando circa 240 nuovi alloggi nelle comunità circostanti). Si vedranno anche due garage a sei piani, che possono ospitare 850 veicoli, e una serie di grandi complessi di uffici e alcune piccole aree di addestramento, tra cui un poligono di tiro al coperto ancora in costruzione, oltre ad un centro fitness con una piscina riscaldata, un' "area di intrattenimento per il guerriero" una caffetteria in stile italiano e una sala da pranzo. Questi servizi sono in realtà molto modesti per una grande base statunitense. La maggior parte degli alloggi nuovi o ristrutturati, scuole, strutture sanitarie, negozi e altri servizi per i soldati e le loro famiglie si trovano nella città di Viale della Pace nella baseCaserma Ederle e nelle vicinanze del Villaggio della Pace.
 
Oltre a Vicenza, l'esercito ha speso moltissimo per aggiornare le sue basi italiane. Fin dall'inizio del 1990, la base aerea americana di Aviano, a nord est di Vicenza, era un piccolo luogo conosciuto come "Sleepy Hollow". Dal trasferimento degli F-16 in Spagna nel 1992, l'Air Force è diventata un'importante area di stazionamento per tutte le operazioni in tempo di guerra dalla prima guerra del Golfo. Nel processo, sono stati spesi almeno 610 milioni dollari in più di 300 progetti di costruzioni (Washington ha convinto la NATO a fornire più della metà di questi fondi, e l'Italia ha dato 210 ettari di terreni a titolo gratuito).
 
Per non essere da meno, la Marina ha investito più di 300 milioni dal 1996 per la costruzione di una nuova base presso l'aeroporto di Napoli. Nelle vicinanze, ha un contratto di locazione per 30 anni su un "sito di supporto" stimato in 400 milioni di dollari, ovvero, un grande centro commerciale, circondato da ampi giardini, ben tenuto. (La base si trova nel cuore della Mafia napoletana ed è stata costruita da una società che era legata alla Camorra). Nel 2005, la Marina ha trasferito la propria sede europea da Londra a Napoli, spostando la sua attenzione dal Nord Atlantico verso l'Africa, il Medio Oriente e il Mar Nero. Con la creazione di AFRICOM, il cui quartier generale rimarrà in Germania, Napoli è ora sede di un misto tra la US Naval Forces Europe e US Naval Forces Africa. E' significativo che il suo sito web evidenzia l'ora a Napoli, Gibuti, Liberia e Bulgaria.
 
Nel frattempo, la Sicilia è diventata sempre più importante per l'Era della Guerra Globale al Terrorismo, dato che il Pentagono ha trasformato l'isola in un importante nodo per le operazioni militari degli Stati Uniti in Africa, dal momento che si trova a meno di 100 km di distanza in tutto il Mediterraneo. Dall'anno fiscale 2001, il Pentagono ha speso più nella costruzione della Stazione Navale Aerea di Sigonella - 300 milioni di dollari - che in qualsiasi altra base italiana oltre a Vicenza. Ora è la seconda stazione navale degli Stati Uniti in Europa, la prima volta è stata utilizzata nel 2002 per l'utilizzo di aerei di sorveglianza, senza pilota Global Hawk. Nel 2008 gli Stati Uniti e l'Italia hanno firmato un accordo segreto che permette ufficialmente la creazione di una base di droni lì. Da allora, il Pentagono ha tirato fuori almeno 31 milioni dollari per costruire un complesso di operazioni e manutenzione dei Global Hawk. La base di droni, formalmente della NATO, ha una capacità di sorveglianza fino a 10.000 miglia.
 
Da questa base, e dal 2003, vengono utilizzati velivoli P-3 sorveglianza per monitorare i gruppi ribelli nell'Africa del nord-occidentale. E dal 2011, l'AFRICOM ha schierato un team di circa 180 marines e due aerei per fornire addestramento antiterrorismo ai militari africani in Botswana, Liberia, Gibuti, Burundi, Uganda, Tanzania, Kenya, Tunisia e Senegal. Sigonella ospita anche uno dei tre servizi globali di trasmissione delle comunicazioni via satellite e presto ospiterà una base di intervento congiunto e analisi dei dati, nonché un centro di formazione della NATO. Nel mese di giugno, la sottocommissione del Senato degli Stati Uniti ha raccomandato di spostare le forze e le operazioni speciali CV-22 Ospreys dalla Gran Bretagna alla Sicilia, come dichiarato"Sigonella è diventato un trampolino di lancio fondamentale per le missioni relative alla Libia, data l'attuale turbolenza in quella nazione, così come la nascita di attività di addestramento per terroristi in Nord Africa". Nella vicina Niscemi, la Marina spera di costruire un impianto per un satellite di comunicazione ad altissima frequenza, nonostante la crescente opposizione dei siciliani ed altri italiani preoccupati per gli effetti della stazione e le sue radiazioni elettromagnetiche sugli esseri umani e sulla riserva naturale circostante. E' vero che nel bel mezzo di questo accumulo, il Pentagono ha chiuso alcune basi in Italia, come Comiso, Brindisi e La Maddalena. Anche se l'esercito ha tagliato il personale a Camp Darby, un deposito sotterraneo di armi e attrezzature lungo la costa toscana, la base rimane un'importante logistica e un pre-posizionamento centrale che permette il dispiegamento globale di truppe, armi e rifornimenti dall'Italia via mare. Dall'anno fiscale 2005, sono stati investiti quasi 60 milioni di dollari in nuove costruzioni.
 
E che cosa fanno tutte queste basi in Italia?  Ecco il modo in cui un funzionario militare degli Stati Uniti in Italia (che ha chiesto di restare anonimo) ha spiegato la questione:"Mi dispiace, Italia, ma questa non è la guerra fredda. Non siamo qui per difendere da un attacco [sovietico] a Vicenza. Siamo qui perché abbiamo deciso che dobbiamo essere qui a fare altre cose, sia in Medio Oriente che nei dei Balcani o in Africa". Le basi in Italia hanno svolto un ruolo sempre più importante nella strategia globale del Pentagono, in gran parte dovuto alla posizione del paese sulla mappa. Durante la Guerra Fredda, la Germania dell'Ovest era il cuore dell'America e della NATO in Europa, grazie alla sua posizione sulle vie più probabili di un attacco sovietico all'Europa occidentale. Una volta terminata la guerra fredda, l'importanza geografica della Germania è stata notevolmente ridotta. Infatti, le basi e le truppe statunitensi nel cuore dell'Europa erano sempre più immerse nella geografia, dal momento che l'Air Force ogni volta ha bisogno di ottenere il permesso di sorvolo dai vicini. Le truppe con sede in Italia hanno accesso diretto alle acque internazionali e allo spazio aereo del Mediterraneo. Questo permette loro di dispiegarsi rapidamente via mare o per via aerea. Keith Eastin, Assistente Segretario dell'esercito al Congresso nel 2006, posizionando la 173° Brigata Aviotrasportata a Dal Molin, ha detto: 
"è strategicamente posizionata a sud delle Alpi, con facile accesso allo spazio aereo internazionale per il rapido dispiegamento e per le operazioni di allerta precoce".
Abbiamo visto che il Pentagono ha approfittato della posizione dell'Italia dal 1990, quando la base aerea di Aviano ha svolto un ruolo importante nella prima guerra del Golfo e negli interventi degli Stati Uniti e della NATO nei Balcani (un breve salto attraverso il mare Adriatico dall'Italia). L'amministrazione Bush, a sua volta, fece delle basi in Italia alcuni dei suoi avamposti "durevoli" in Europa. Negli anni di Obama, il crescente coinvolgimento militare in Africa ha reso l'Italia ancora più attraente.
 
Al di là della posizione, i funzionari americani amano l'Italia, perché, come lo stesso funzionario militare mi ha detto, "è un paese che offre sufficiente flessibilità operativa". In altre parole, fornisce la libertà di fare quello che vuoi con restrizioni minime e senza intoppi.
 
Oltre ad offrire i costi operativi più bassi, è paese il più sensibile alle pressioni politiche ed economiche di Washington. E' più permissiva rispetto alle norme ambientali e di lavoro e dà al Pentagono più libertà di avviare un'azione militare unilaterale dopo una consultazione minima con i paesi ospitanti.
 
Mentre difficilmente è una delle nazioni più deboli del mondo, l'Italia è il secondo paese più indebitato d'Europa, il suo potere economico e politico impallidisce in confronto a quello della Germania. Non c'è da stupirsi, quindi, come il funzionario del Pentagono in Italia mi ha fatto notare, che la situazione delle forze secondo l'accordo con la Germania è lungo e dettagliato, mentre l'accordo con l'Italia rimane quello del 1954 (e ancora classificato). I tedeschi tendono ad essere più esigenti per quanto riguarda le regole, mentre gli italiani sono "più interpretativi".
 
La libertà con cui l'esercito americano ha utilizzato le sue basi italiane nella guerra in Iraq è un esempio calzante. Per cominciare, il governo italiano ha permesso alle forze statunitensi il loro uso per una guerra che era al di fuori del contesto della NATO e che violava i termini delll'accordo del 1954. Un cavo rilasciato da Wikileaks, nel 2003, inviato dall'ambasciatore in Italia Melvin Sembler, ha rivelato che il governo del primo ministro Silvio Berlusconi diede al Pentagono "praticamente tutto" ciò che voleva. "Abbiamo ottenuto quello che abbiamo chiesto", scrisse Sembler, "accesso, basi, di transito e sorvolo, assicurando che le forze possano fluire facilmente attraverso l'Italia per arrivare a combattere".
 
Da parte sua, l'Italia sembra aver beneficiato direttamente di questa cooperazione. (Alcuni dicono che il cambio di basi dalla Germania verso l'Italia è stato concepito anche come un modo per punire la Germania per la sua mancanza di supporto nella guerra in Iraq). Secondo un rapporto del 2010 del settimanale sicurezza Jane, il ruolo dell'Italia nella guerra in Iraq, fornendo 3.000 soldati allo sforzo alleato, ha aperto contratti per la ricostruzione dell'Iraq alle imprese italiane, così come il consolidamento dei rapporti tra i due alleati. Il suo ruolo nella guerra in Afghanistan certamente offre vantaggi simili. Queste opportunità sono arrivate nel mezzo dell'approfondimento dei problemi economici, e in un momento in cui il governo italiano stava trasformando la produzione di armi in un aspetto importante per rilanciare la sua economia. Secondo Jane, i produttori di armi italiane come Finmeccanica hanno cercato di entrare aggressivamente negli Stati Uniti e in altri mercati. Nel 2009, le esportazioni di armi italiane sono aumentate di oltre il 60%.
 
Nell'ottobre del 2008 i due paesi hanno rinnovato un Memorandum di Appalti della Difesa Reciproca (un accordo di "nazione più favorita" per le vendite militari). E' stato ipotizzato che il governo italiano possa aver ceduto la base Dal Molin agli Stati Uniti gratuitamente, in parte per garantirsi un ruolo nella produzione dell' "arma più costosa mai costruita", l'aereo da combattimento F-35, tra gli altri accordi militari. Un altro cavo incandescente del 2009 di Elizabeth Dibble, incaricata d'affari presso l'ambasciata a Roma, chiama la cooperazione militare dei paesi "una partnership duratura". Menzionava come Finmeccanica (che è per il 30% di proprietà dello Stato) "ha venduto 2,3 miliardi di dollari in equipaggiamenti per la difesa negli Stati Uniti nel 2008 [ed] ha una forte partecipazione nella solidità del rapporto USA-Italia".
 
Naturalmente, vi è un altro fattore importante in tutto questo incremento del Pentagono in Italia. Per le stesse ragioni che i turisti americani affollano il paese, le truppe americane hanno goduto della dolce vita lì. Oltre alla vita comoda nelle basi, circa 40.000 visitatori all'anno provenienti da tutta Europa oltre a quelli che arrivano al complesso militare di Camp Darby, la "spiaggia americana" della Riviera italiana.
L'Italia non è in procinto di prendere il posto della Germania come base della potenza militare degli Stati Uniti in Europa. La Germania è da tempo integrata nel sistema militare statunitense e gli  strateghi militari hanno progettato tutto affinché restasse così. Infatti, ricorda come il Pentagono ha convinto il Congresso a consegnare più di 600 milioni di dollari per la costruzione di una nuova base a Vicenza? Il Pentagono ha giustificato il trasferimento di truppe a Vicenza come un modo per rafforzare la 173° Brigata in un unico luogo.
 
E poi, nel marzo scorso, una settimana dopo aver ottenuto l'accesso al primo edificio completato al Dal Molin e con la costruzione quasi finita, l'esercito ha annunciato che dopo tutto, non sarebbe stata consolidata la 173° Brigata. Una terza parte della Brigata sarebbe rimasta in Germania. In un momento di tagli di bilancio, disoccupazione, e stagnazione economica per tutti, con enormi necessità insoddisfatte nelle comunità in tutti gli Stati Uniti, per il nostro investimento di $ 600 milioni, solo 1.000 soldati si sposteranno a Vicenza. 
 
Tuttavia l'Italia sta rapidamente diventando uno dei principali punti di articolazione degli Stati Uniti per la guerra a livello globale. Mentre molta attenzione è focalizzata sul "perno dell'Asia" di cui parla Obama, il Pentagono sta concentrando le forze in una serie di basi come Gibuti nel Corno d'Africa, Diego Garcia nell'Oceano Indiano, Bahrain e Qatar nel Golfo Persico, Bulgaria e della Romania nell'Europa dell'Est, in Australia, Guam e Hawaii nel Pacifico, e l'Honduras in America Centrale. Le nostre basi in Italia rendono più facile intervenire militarmente in conflitti di cui si sa poco, dall'Africa al Medio Oriente. Invece di chiedersi perché abbiamo ancora basi in Italia e in decine di paesi in tutto il mondo, un numero crescente di politici, giornalisti ed altri stanno dicendo che queste basi ci aiuteranno, nel nome della "sicurezza" degli Stati Uniti, a preservare un percorso di violenza perpetua nel quadro di un'insicurezza perpetua.

Fonte: Tom Dispatch

Traduzione per TLAXCALA a cura di Alba Canelli
 
Tratto da:http://www.vocidallastrada.com
IL "LAVORO ITALIANO" DEL PENTAGONO
Commenta il post