Overblog
Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
Blog della COMUNITA' IPHARRA

Non più destra, non più sinistra, non più etichette, non più finzioni nominalistiche ma attività mirate a creare le premesse culturali e politiche per una Costituente di Popolo che sia alternativa reale ed organica agli schemi partitici ed agli artifici ideologici. Momenti di lotta diretta a colpire le oligarchie di potere per le quali il " rito del voto" costituisce la legittimazione per continuare ad esercitare le loro angherie ai danni del Popolo.

Banche fuorilegge, da rottamare? Fa parte del piano

Pubblicato su 23 Novembre 2013 da frontediliberazionedaibanchieri in MONETA -BANCHE - VARIE

«E’ tutto un peggiorare i servizi, aumentare i costi e le tariffe, destabilizzare i bilanci, dequalificare il personale». Degrado programmato, che procede tra trent’anni e coinvolge anche le grandi imprese private, a cominciare da un settore cruciale e decisivo per l’economia e la società: quello bancario. Marco Dello Luna lo chiama “Progetto Disorganizzazione”. Obiettivo: «Consentire ai capitali stranieri di impadronirsi dei gangli fondamentali dell’economianazionale», e quindi «dirigere le nostre istituzioni attraverso la detenzione del debito pubblico italiano». Tutte cose «già abbondantemente realizzate». Nel lungo periodo, «si sta lavorando per produrre un dissesto funzionale generale delsistema Italia, in modo che si formino le condizioni di emergenza e di consenso popolare» per trasferire la gestione di tutto agli eurocrati, «come burattini dell’unico Stato super-creditore e super-efficiente: la Germania». Sono andate in questo senso anche le politiche economiche degli ultimi governi, «finalizzate a rafforzare la recessione del paese riducendone la competitività».

Oggi, sostiene l’avvocato Della Luna, il conto economico della grande maggioranza delle banche si regge su tre colonne «improprie e instabili», che banca, sportellocrollerebbero all’istante «se venisse applicata la tanto strombazzata legalità». Primo, gli utili fittizi: si segnano a bilancio utili solo teorici, relativi a crediti in sofferenza ma classificati “a rischio ordinario”. «Contenzioso sommerso: se emergessero, e prima o poi emergeranno, salterebbero sia i conti economici che quelli patrimoniali, quindi tutto ilsistema bancario italiano». Seconda “colonna di burro”, gli alti guadagni realizzati vendendo prodotti finanziari fraudolenti, una prassi che sta distruggendo il risparmio. Terzo problema capitale, «la quasi sistematica applicazione di tassi d’interesse e commissioni oltre la soglia di usura», che la Banca d’Italia continua a non “vedere”. Risultato: «Non possiamo applicare le leggi alle banche, altrimenti il sistema bancario salta per aria».

Come si è arrivati a tanto? «Tappe fondamentali, legate ai più bei nomi della politica italiana, sono la trasformazione delle banche pubbliche in società private finalizzate al profitto e gestite da fondazioni in mano ai partiti». Abolita la separazione delle banche di credito e risparmio da quelle di azzardo speculativo, dalle stesse teste – Draghi in primis – che hanno pensato la privatizzazione di Bankitalia, ceduta ai finanzieri – prima solo “de facto”, poi anche formalmente dal 2006. Nell’organizzazione del personale e del rapporto coi clienti, ormai vige il “Metodo Mc Kinsey”. Via i vecchi funzionari collaudati e preparati, rimpiazzati da giovani inesperti (la formazione costa), assunti con precari contratti da fame e incoraggiati a “vendere per vendere”, nel brevissimo termine. Addio all’antico core business bancario: non più raccolta del risparmio ed erogazione del credito con attenzione alla qualità e solvibilità dei clienti nel tempo, ma vendita forzata di prodotti finanziari, bancari e assicurativi.

Inoltre, aggiunge Della Luna, all’ignaro pubblico si sono erogati crediti “facili” sotto forma di prodotti strutturati, «contenenti la fregatura, cioè trasferendo il rischio dalla banca ai risparmiatori, senza avvertirli». Poi ecco i tagli al credito verso le imprese in crisi: e quindi recessione, meno redditi, meno risparmi e dunque meno investimenti. Ancora: si pretende che i direttori di filiale si comportino da super-manager, per giunta senza il personale necessario, mentre si adottano metodi di vendita prettamente commerciali: «Al personale si ordina di telefonare a liste preconfezionate di clienti per vendere carte di credito, polizze, prodotti finanziari». Intanto, si allargano le remunerazioni dei vertici «anche quando hanno cagionato gravissimi danni», mentre a impiegati e funzionari si taglino posti di lavoro, stipendi, premi di produzione; si disdicono i contratti di categoria, si allunga l’orario serale di lavoro, si intimidiscono i dipendenti. Tutto questo viene deciso dai vertici, come in una catena di comando militare. Gli obiettivi? Spesso vengono dettati «senza le risorse (di tempo, competenze e personale) Marco Della Lunaper raggiungerli». Frustrazioni, contraddizioni, difficoltà: le conseguenze vengono «scaricate sui dirigenti locali e sui quadri direttivi».

La strategia di assegnare compiti e obiettivi irrealizzabili «può essere letta come una tecnica di sottomissione», sostiene Della Luna. «Combinata alla sistematica dequalificazione del personale e alla soppressione dei diritti contrattuali», questa “strategia dello sfascio” «sembra preludere a una profonda ristrutturazione dei rapporti sociali». Critiche sul ruolo delle banche, che dovrebbero tornare a far credito all’economia reale anziché speculare con la finanza, sono giunte di recente anche da Napolitano, «che peraltro sottoscrisse la privatizzazione di diritto della Banca d’Italia». Per l’Abi, invece, le banche sono imprese private e quindi devono far profitti, libere cioè di inseguire i business più lucrosi. Peccato che proprio le banche «hanno l’esclusiva dello svolgimento di un servizio di pubblica necessità, cioè la creazione e la allocazione della liquidità». Della Luna ricorda che il 92% della moneta è creata dalle banche di credito mediante l’erogazione di credito. Inoltre, quello bancario è anche un servizio che implica l’uso di un potere pubblico, per la creazione di moneta: una posizione esclusiva, di “monopolio del denaro”, che dovrebbe imporre alle banche di rispettare le necessità dell’economia e della società, «e di non strozzinarle per aumentare i propri profitti». Ma ai boss dei partiti, evidentemente, va bene così.

Tratto da: libreidee.org

Banche fuorilegge, da rottamare? Fa parte del piano
Commenta il post