Overblog
Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
Blog della COMUNITA' IPHARRA

Non più destra, non più sinistra, non più etichette, non più finzioni nominalistiche ma attività mirate a creare le premesse culturali e politiche per una Costituente di Popolo che sia alternativa reale ed organica agli schemi partitici ed agli artifici ideologici. Momenti di lotta diretta a colpire le oligarchie di potere per le quali il " rito del voto" costituisce la legittimazione per continuare ad esercitare le loro angherie ai danni del Popolo.

N.A.T.O.LITANO, IL FIGARO DEL COLONIALISMO

Pubblicato su 18 Ottobre 2013 da frontediliberazionedaibanchieri in ITALIA

Si possono riscontrare delle costanti in tutti i casi di colonizzazione militare del territorio italiano. In ogni circostanza infatti le Regioni che "ospitano" gli impianti militari si trovano costrette a sostenere notevoli spese per supportare le basi militari con le necessarie infrastrutture. Sta succedendo in Campania, con la nuova base NATO di Giugliano, nella zona di Lago Patria, ed ovviamente capita anche per il MUOS che la US-Navy sta finendo di costruire a Sigonella. L'anno scorso il sindaco di Niscemi ha lamentato che non si è visto nulla degli aiuti al territorio contemplati nel protocollo d'intesa tra Ministero della Difesa e Regione Sicilia siglato nel 2011. Anzi, sarà la Regione Sicilia a dover sborsare finanziamenti per una serie di impianti ed infrastrutture, tra cui un eliporto, tutto questo attingendo ai fondi FAS. 
I FAS, cioè i fondi del Tesoro per le aree sottoutilizzate, rappresentano un caso significativo - probabilmente solo uno dei tanti - di spesa militare occulta, cioè dissimulata sotto la veste di aiuti alle Regioni meno sviluppate. Spesso impiegati per finanziare opere idriche e di viabilità indispensabili per rendere operative le basi militari, i FAS figureranno invariabilmente nei bilanci dello Stato - e nei libri di Luca Ricolfi - come prova di quanto la spesa pubblica sia gravata dalla pigrizia delle Regioni meridionali. 
La fiaba secondo cui invece sarebbero soprattutto gli Stati Uniti a dover sostenere finanziariamente l'Alleanza Atlantica, ha trovato un autorevole avallo in un discorso del 2 marzo 2010 del presidente Giorgio Napolitano. Si è trattato di unindirizzo di saluto pronunciato nella sede del Consiglio Atlantico di Bruxelles, davanti alle massime gerarchie della NATO. In quella occasione solenne, Napolitano ha caldamente invitato i governi europei ad infischiarsene della crisi finanziaria, e ad aprire, anzi a spalancare, i cordoni della borsa per sostenere tutte le spese militari che gli USA richiedono. In questo contesto, Napolitano non esitava a teorizzare esplicitamente il ruolo organico e subordinato dell'Unione Europea nei confronti della NATO, richiamandosi anche al Trattato di Lisbona. 
Il discorso di Napolitano risulta interessante ed istruttivo anche per altri motivi. Anzitutto è stato pronunciato in un periodo in cui, almeno di facciata, il Buffone di Arcore sembrava occupare ancora saldamente la poltrona di Presidente del Consiglio, dato che la rivolta di Fini e l'apparizione sulla scena della "nipote di Mubarak" sarebbero avvenute solo alcuni mesi dopo. Eppure Napolitano parlava come se il vero capo del governo ormai fosse lui. La storia italiana di questi ultimi tre anni potrebbe essere riletta e reinterpretata anche solo a partire da questo documento, che ci mostra un Napolitano ben poco "garante" e tutto politico già all'inizio del 2010. Lo stesso Napolitano offriva una spiegazione di questa apparente anomalia, quando teneva a precisare che in Italia è il presidente della Repubblica a presiedere il Consiglio supremo di difesa, quindi a costituire l'interlocutore privilegiato del vero padrone, cioè la NATO. Il soprannome di NATOlitano quindi non è arbitrario o abusivo, ma assolutamente meritato. Occorre peraltro riconoscere che il Consiglio supremo di difesa è un organo di rilievo costituzionale (articolo 87), perciò coloro che vanno in brodo di giuggiole per la nostra "bellissima" Costituzione, dovrebbero ogni tanto rileggersela anche nei passi meno lirici e più crudi. 
Davanti all'uditorio di Bruxelles Napolitano non è riuscito a trattenere la propria soddisfazione per il buon lavoro da lui svolto, proclamando che nulla avrebbe potuto opporsi ai progetti di espansione della NATO, dato che, almeno in Italia, non era prevedibile alcuna ondata di antimilitarismo che potesse mettere i bastoni tra le ruote. Napolitano ha usato, con cognizione di causa, la parola "antimilitarismo" e non quella di "pacifismo", segno che per lui la militarizzazione rappresenta proprio il valore da difendere. Strano allora che il nostro non si sia mai accorto che l'occupazione del Canale di Sicilia da parte delle flotte USA e NATO non abbia mai bloccato la partenza di un barcone di "migranti" (o deportati?), oppure che le occupazioni NATO non riescano ad impedire il business dell'oppio in Afghanistan, o il traffico di organi umani in Kosovo, e neppure le discariche di rifiuti tossici a Giugliano. Non è che il "valore" che si vuol difendere, consiste appunto in questo intreccio tra militarismo e business illegali? 
Ma dopo una frase del genere, verrebbe voglia di rileggere non soltanto la storia d'Italia degli ultimi tre anni, ma anche tutta la storia personale di Napolitano. Davvero egli sarebbe un transfuga del comunismo, passato dal sostegno all'invasione sovietica dell'Ungheria all'adesione entusiastica alla NATO? Oppure è sempre stato un agente sotto copertura?
Una delle formule più note del "Che Fare?" di Lenin è quella secondo cui la classe operaia da sola sarebbe in grado di esprimere esclusivamente una coscienza trade-unionista, mentre la coscienza politica di classe dovrebbe essere portata dall'esterno da intellettuali rivoluzionari. Sebbene successivamente ridimensionata dallo stesso Lenin, si tratta comunque della formula più invocata per sostenere la necessità di un partito comunista a guida delle masse. Sta di fatto che in Italia il PCI non soltanto non ha portato alla classe operaia quella tanto invocata coscienza politica, ma ha finito per privarla anche della coscienza trade-unionista, per non parlare poi del seppellimento di ogni coscienza antimperialistica. Nel 1977 il PCI spinse infatti la CGIL alla svolta dell'EUR, insieme con gli altri sindacati confederali, con il risultato di offrire come massima prospettiva all'azione sindacale quella di una concertazione tra governo e parti sociali. Nello stesso anno il PCI formalizzò anche la sua accettazione della collocazione "atlantica" dell'Italia. Il punto debole della teoria del partito si è così evidenziato nella estrema facilità di infiltrare i gruppi dirigenti; ed anche Stalin, di fronte alla occupazione massonica dei partiti comunisti dell'Europa occidentale, invece del "Che Fare?", adottò piuttosto il "lasciar fare".
Altro aspetto interessante del discorso di Napolitano a Bruxelles/2010, è l'aspetto "creativo" della sua posizione di collaborazionista del colonialismo sull'Italia. Napolitano si pone cioè non come un semplice esecutore di ordini, ma esprime velleità di servitore factotum alla Figaro, capace di andare anche oltre le attese dei suoi padroni. A riguardo c'è da osservare che in questi ultimi tempi si è diffusa una nuova vulgata, secondo la quale tutte le direttive internazionali, a partire dalla famosa lettera della BCE del 5 agosto 2011, sarebbero state in realtà scritte a Roma. A Roma verrebbero elaborate anche le dichiarazioni del Fondo Monetario Internazionale sull'Italia, e sempre a Roma andrebbero ricercate le vere responsabilità del MUOS. Poco ci manca che ci si metta a cantare "der monno 'nfame Roma Capoccia".
Qui si tratta di uno dei casi in cui una mezza verità rischia di diventare una pericolosa scempiaggine. Da sempre infatti il colonialismo si basa sulla complicità attiva e "creativa" dei gruppi dirigenti locali, altrimenti meno di duecentomila Inglesi - tra soldati, affaristi e funzionari - non avrebbero potuto dominare e sfruttare più di trecento milioni di Indiani per oltre un secolo. Per "imperialismo americano" non si deve perciò intendere che gli USA siano in grado da soli di controllare tutto, ma che esiste una guerra mondiale dei ricchi contro i poveri in nome della santa causa di un welfare per ricchi; una guerra di classe nella quale però gli USA costituiscono il punto di riferimento ed il principale braccio armato di tutti i gruppi affaristici e reazionari del mondo. C'è quindi un ampio margine di manovra per i servitori, ed anche parecchie occasioni di competizione fra gli stessi servitori; ma sempre di servitori si tratta.

Tratto da : comidad.org
N.A.T.O.LITANO, IL FIGARO DEL COLONIALISMO
Commenta il post

Durga 10/19/2013 05:09

Non vedo vere incoerenze nella storia personale di Napolitano. Prima, per interessi personali o di partito, sosteneva l'URSS, ora gli USA e la NATO; dell'Italia e degli italiani se ne infischia.