Overblog
Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
Blog della COMUNITA' IPHARRA

Non più destra, non più sinistra, non più etichette, non più finzioni nominalistiche ma attività mirate a creare le premesse culturali e politiche per una Costituente di Popolo che sia alternativa reale ed organica agli schemi partitici ed agli artifici ideologici. Momenti di lotta diretta a colpire le oligarchie di potere per le quali il " rito del voto" costituisce la legittimazione per continuare ad esercitare le loro angherie ai danni del Popolo.

IL CANCRO DEI SOLDI

Pubblicato su 11 Ottobre 2013 da frontediliberazionedaibanchieri in MEDICINA ALTERNATIVA

Lo scandalo delle multinazionali produttrici di chemioterapici è ormai scoppiato grazie anche a medici coraggiosi e a stampa non addomesticata, in testa l’inchiesta di Jon La Pook della CBS News. Sarebbero moltissime le aziende che per ragioni di affari avrebbero smesso di produrre farmaci antitumorali di lungo corso, economici ed efficaci per lanciare prodotti di punta che sono invece costosissimi.

La denuncia arriva in Italia anche dallo Sportello dei Diritti che documenta la mancanza anche nel nostro Paese di farmaci considerati efficaci per diverse tipologie di tumore. Sono diventati difficili da trovare medicinali come la carmustina, utile nei trapianti di midollo, il 5- fluoro uracile per i tumori dell’apparato gastrointestinale e poi ancora la bleomicinasata per i tumori del testicolo e linfomi e la doxorubicina liposomiale utilizzata nel cancro dell’ovaio e nel mieloma.

Se è vero soprattutto nella ricerca medica che la sperimentazione e la ricerca debbano andare avanti alla ricerca di farmaci sempre più mirati e con meno effetti collaterali, è vero altrettanto che le cure sperimentali non possono diventare di colpo l’unica prescrizione possibile per i pazienti, soprattutto se questo implica che i colossi produttori guadagnino enormemente dalla manovra.

Stando così le cose infatti, il confine tra deontologia e affari salta del tutto a scapito dei soli ammalati. Un po’ come è già accaduto sull’interferone e su alcuni suoi dosaggi ormai commercializzati solo oltre confine, perché riservati a una quota troppo ristretta di popolazione. E’ per questo che sono molti gli oncologici e le associazioni che si sono mobilitati per chiedere un intervento del Ministero della Salute e dell’AIFA.

C’è chi propone addirittura l’interruzione di produzione dei nuovi farmaci biologici per fare spazio a quelli “tradizionali”. Si tratterebbe forse, in questo caso, di una misura eccessiva, con il rischio di ostacolare le novità farmacologiche che pure è giusto lanciare e sondare. La stranezza è che per le multinazionali del farmaco possano valere delle logiche di ricambio della linea di prodotto al pari, se non peggio, di chi produce cellulari o televisioni come se gli utenti finali non fossero dei pazienti da curare ma persone che consumano.

La logica del business di chi produce cure può non essere quella di una fondazione caritatevole, ma l’affare non può essere a scapito del valore morale che è intrinseco al fatto che il prodotto finale rappresenta una cura per vivere. E lo scandalo della speculazione è quindi doppiamente grave.

La bandiera delle novità di cure è una facciata ipocrita al business, tant’è che non vale più tanto quando presunte cure efficaci e nuove non vengono dai laboratori occidentali e non fanno guadagnare i soliti colossi. Non c’è bisogno di scomodare l’Escoazul cubano, ma basta arrivare in Germania e Svizzera dove da tempo ai pazienti ammalati di cancro vengono proposte cure parallele di tipo fitoterapico complesso che in Italia non solo sono impossibili da reperire, ma vengono accompagnate da una pessima pubblicità. La novità di cura quindi vale la pena, a quanto pare, solo  quando promette picchi di profitto, ancor più promettenti se estesi a larga scala.

Non importa se intanto i vecchi farmaci, ormai quasi irreperibili, fossero ancora in grado di curare tante neoplasie con successo e a costi bassi per i governi. Le multinazionali del farmaco non accettano rischi di investimento e sulla malattia del secolo tentano la scalata numero uno. Quindi vogliono il business senza rischi e pretendono di farlo sulla vita e la morte di tante persone, visto che il cancro è tutto tranne che una malattia rara. Cosi come è stato per l’HIV del resto, salvo poi prendere una sonora bocciatura dagli indiani e dalla loro farmacia sostenibile per il Sud del mondo.

La parola spetta alla politica e ai governi. Per ricordare che il guadagno sui farmaci ha dei limiti etici invalicabili. Gli stessi che, trasgrediti, hanno fatto nascere migliaia di bambini focomelici con il Talidomide. Gli stessi che ci danno il legittimo sospetto di pensare che tra la ricerca e le aziende del farmaco ci sia più che un’alleanza, una gerarchia di comando. Che diventa pericolosa e fatale per la libertà dove le Istituzioni non ricordino con sufficiente chiarezza che in un sistema di civiltà la salute non è – e non potrà essere mai – una voce di bilancio.

http://www.altrenotizie.org/societa/5699-il-cancro-dei-soldi.html

Scritto da: Silvia Mari - Tratto da: informarexresistere.fr

IL CANCRO DEI SOLDI
Commenta il post

Orazio 10/11/2013 19:27

Banchieri = big farma = sfruttamento = omicidi